ANTIOSSIDANTI DIRETTI: TRE SCUDI CONTRO I RADICALI LIBERI. - Sana Cucina Italiana
17729
post-template-default,single,single-post,postid-17729,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
molecole antiossidanti contro i radicali liberi

ANTIOSSIDANTI DIRETTI: TRE SCUDI CONTRO I RADICALI LIBERI.

C’è differenza tra antiossidanti diretti ed indiretti? Scopriamo quali sono i più efficaci!

Esistono numerosissime molecole in natura che vengono definite “antiossidanti” grazie agli studi effettuati su di esse. Le sperimentazioni generalmente vengono condotte in vitro prima di essere valutate in vivo, cioè direttamente sul nostro organismo. Tante molecole che in vitro sembrano avere una spiccata azione antiossidante, sul nostro organismo agiscono in maniera differente, ovvero il loro potere antiossidante non viene esercitato direttamente sull’organismo ma in maniera indiretta. Parliamo, in questo caso, di antiossidanti indiretti.

Possiamo classificare gli antiossidanti in “esogeni”, cioè esterni al nostro organismo e generalmente acquisiti attraverso il cibo, ed “endogeni” prodotti cioè direttamente dal nostro organismo.

Quelli esogeni possiamo distinguerli a loro volta in “diretti” ed “indiretti

Quelli diretti sono molecole che agiscono direttamente sul nostro organismo andando a proteggere le nostre cellule dagli attacchi dei radicali liberi, comportandosi come dei veri e propri scudi che, sacrificandosi, “assorbono” i radicali liberi facendoli agire su se stessi e non sulla cellula.

Gli antiossidanti indiretti, invece, stimolano il nostro organismo a produrre antiossidanti endogeni.

L’ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity) è una delle unità di misura della capacità  degli alimenti di assorbire radicali liberi in vitro. Cibi come le prugne secche, i mirtilli e l’uva nera, hanno un’ORAC molto alto, agendo però come antiossidanti indiretti. Studi a livello mondiale hanno verificato l’azione antiossidante in vivo e diretta solamente di tre molecole: vitamina C, una delle otto forme della vitamina E e licopene.

Vediamo nel dettaglio queste tre molecole.

arancia ricca di vitamina c, potente antiossidante direttoVitamina C

Presente soprattutto in frutta (arance, kiwi, fragole, limoni, ecc), verdura e ortaggi (peperone, lattuga, rucola, ecc).Questa molecola ha una forte azione riducente e quindi svolge in vivo una potente azione antiossidante, ma anche molte altre funzioni (non anti-ossidanti) della vitamina C sono necessarie all’organismo. Bisogna tener presente che questa vitamina è sensibile al calore ed ossigeno quindi se, per esempio, si vuole fare il pieno di vitamina C con una bella spremuta di arance fresche, non bisogna tenerla troppo tempo all’aria aperta. Inoltre, cuocendo un alimento (per esempio peperoni) anche molto ricco di vitamina C, questa verrà inevitabilmente distrutta dal calore.

 

fonte di vitamina e potente antiossidante sono le olive e l'olio

Vitamina E

Presente soprattutto in oli vegetali, frutta secca, avocado, soia, spinaci e in piccole quantità nel burro, nei formaggi, nel pesce grasso (salmone, anguilla). Protegge i lipidi delle membrane cellulari ed è anche utile nella prevenzione dell’arteriosclerosi e delle malattie cardiovascolari. È inoltre indispensabile per il corretto funzionamento dei muscoli e necessaria per un’adeguata funzionalità dell’apparato riproduttivo; è anche in grado di migliorare il sistema immunitario (blocca la produzione di radicali liberi nelle cellule riproduttive). Anche la vitamina E è termolabile (sensibile al calore), per questo molto spesso si consiglia di usare a crudo l’olio extravergine d’oliva per non perdere, appunto, tutti i suoi meravigliosi micronutrienti.

 

Pomodori ricchi di licopene, potente antiossidante diretto

Licopene

Presente soprattutto nel pomodoro ma anche nel pompelmo rosa, anguria e papaya. Viene assimilato molto bene dall’intestino ed inibisce la crescita di cellule tumorali soprattutto se associato alla vitamina E. Protegge la pelle dai raggi UVA e UVB e facilita l’eliminazione delle tossine. Molto importante è, in questo caso, cuocere l’alimento che contiene questa molecola antiossidante (quindi una buona pasta al sugo è un toccasana per il nostro organismo), in quanto la cottura aumenta la biodisponibilità del licopene rendendolo maggiormente assorbibile. Inoltre se associata ad un grasso (per esempio olio extravergine d’oliva) il suo assorbimento aumenta ulteriormente. In questo articolo possiamo scoprire tutti i segreti sul pomodoro e sulla sua molecola antiossidante.

 

 

Un esempio pratico in cucina di potente antiossidante è la citronette, emulsione di succo d’agrumi e olio extravergine d’oliva utilizzata a crudo per condire numerose pietanze. In questo caso si registra una vera e propria sinergia tra le due molecole antiossidanti in quanto la vitamina C va a ripristinare la vitamina E dopo che è stata disattivata dai radicali liberi.

Quando prepariamo da mangiare ricordiamo di lasciare sempre un po’ di condimento (olio evo) da aggiungere a crudo in modo da beneficiare degli effetti antiossidanti della sua preziosa vitamina.

 

 

Altre news dal blog

 




Nessun commento

Post A Comment