RICETTA DEL LATTE DI MANDORLA E GLI ERRORI PIÙ FREQUENTI DA EVITARE. - Sana Cucina Italiana
17970
post-template-default,single,single-post,postid-17970,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
bicchiere di late di mandorla

RICETTA DEL LATTE DI MANDORLA E GLI ERRORI PIÙ FREQUENTI DA EVITARE.

COME PREPARARE UN LATTE DI MANDORLA PERFETTO.

In questo articolo abbiamo parlato ampiamente delle caratteristiche nutrizionali del latte di mandorle, di chi può consumarlo quotidianamente e chi no, del suo uso in cucina. Adesso passiamo all’azione! Preparare uno squisito latte di mandorla è molto semplice, serviranno di base solamente due ingredienti: mandorle grezze (o sbucciate al naturale)  ed acqua.

Ingredienti per mezzo litro

  1. Mandorle grezze o sbucciate al naturale 100g
  2. Acqua 400g

Procedimento

  1. Mettiamo in ammollo le mandorle in acqua per almeno una notte (anche fino a 24h).
  2. Una volta trascorso il tempo di ammollo scoliamo le mandorle e, se stiamo utilizzando quelle grezze, eliminiamo la pellicina.
  3. Pesiamo 400g di acqua, uniamola alle mandorle e frulliamo bene fino ad ottenere una bevanda abbastanza omogenea. Se abbiamo la possibilità di utilizzare un estrattore, utilizziamo il filtro a maglia fine: inseriamo alternando un po’ di mandorle ed un po’ di acqua fino all’esaurimento dei due ingredienti.
  4. In base all’utilizzo a cui il latte di mandorla sarà destinato possiamo decidere come filtrarlo. Se destinato all’uso in cucina basterà filtrare con un semplice colino (la bevanda ricavata con l’estrattore possiamo anche decidere di non filtrarla). Se vogliamo una bevanda più liscia e setosa allora filtriamo con una garza, un panno in lino oppure un sacchetto per latte vegetale: le maglie molto più fini tratterranno tutta la polpa in modo da far ottenere solo la parte liquida.
  5. Lasciar colare quindi strizzare per bene affinché passi tutto il liquido.

 

Il gioco è fatto! Abbiamo così ottenuto un’ottima bevanda di mandorle!

Ovviamente la parte non filtrata non va buttata! Si può aggiungere per esempio nella preparazione di una torta, di un muffin o di una crostata.

Vediamo alcuni trucchi per ottenere una bevanda perfetta senza errori:

  1. Non usare mai mandorle tostate, zuccherate o salate. Vanno utilizzate mandorle preferibilmente grezze e biologiche (oppure sbucciate al naturale). Le mandorle tostate rendono il latte amaro e molto più denso.
  2. Mettere sempre in ammollo. Questa fase è fondamentale e deve durare almeno 12h in quanto le mandorle devono idratarsi ed ammorbidirsi per poter poi estrarre tutto il loro contenuto e sicuramente anche una maggiore quantità rispetto all’utilizzo di mandorle non idratate, che non porteranno al risultato desiderato.
  3. Usare un rapporto di mandorle ed acqua corretto. In genere per un buon latte di mandorle il rapporto si dovrebbe aggirare sull’ 1:4, ovvero una parte di mandorle e 4 di acqua (quindi per 1 litro di bevanda, circa 200g di mandorle e 900 di acqua). Utilizzare troppa acqua renderà la bevanda eccessivamente diluita e priva di sapore.
  4. Frullare per bene utilizzando un frullatore potente (o un buon estrattore) e procedendo d intermittenza per non far surriscaldare né il motore né la bevanda.
  5. Insaporire il latte di mandorla. Per accentuare il sapore non proprio spiccato, aggiungiamo un cucchiaino di miele e soprattutto pizzico di sale prima di frullare o estrarre. Possiamo anche aggiungere aromi come vaniglia o cannella che renderanno il latte di mandorla ancor più gustoso, senza nascondere il sapore delle mandorle.

Prima di berlo ricordiamoci di agitare sempre la bottiglia per rendere la bevanda omogenea e gustarla al meglio!

 

Articoli correlati

 

un bicchiere di latte di mandorlaBEVANDA DI MANDORLE:

PERCHÉ CONSUMARLA E PERCHÉ NO.

Quali sono i benefici del latte di mandorla

e chi invece non deve utilizzarlo.

 

BEVANDE VEGETALI:

QUALI SCEGLIERE AL SUPERMERCATO?

Cosa dobbiamo leggere sulle etichette.

 

 

Bicchieri con estratto di carota ricco di nutrientiLA SALUTE IN UN BICCHIERE:

FRULLATO, CENTRIFUGA O ESTRATTO?

Quale sarà il migliore? Pro e contro.

 

 

 

 

Altre news dal blog

 




Nessun commento

Post A Comment