È TEMPO DI CILIEGIE! - Sana Cucina Italiana
17521
post-template-default,single,single-post,postid-17521,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
ciliegio albero delle ciliegie

È TEMPO DI CILIEGIE!

UNA TIRA L’ALTRA.

Il ciliegio durante la fioritura dà vita a paesaggi a dir poco entusiasmanti! E come la bellezza di questi alberi in fiore gratifica la nostra vista, così i suoi frutti appagano il nostro organismo. Le ciliegie non solo deliziano il palato, ma possono allungare la vita! Come? Grazie ai numerosi microelementi concentrati in pochi centimetri di bontà. Le molecole più importanti per il nostro benessere contenute in questo piccolo frutto sono le antocianine: in particolare la peonidina, la pelargonidina (contenuta anche nei lamponi) e la cianidina.

Queste molecole sono responsabili del colore rosso delle ciliegie e donano benefici al nostro organismo soprattutto a livello dei vasi sanguigni, del cuore ed anche a livello genetico. Fanno parte di quella classe di composti che “ingannano” l’organismo attivando quei geni responsabili della longevità e silenziando quelli della vecchiaia.

Le ciliegie sono adatte anche ai diabetici perché contengono sorbitolo, uno zucchero che viene convertito dal nostro organismo in monosaccaridi (zuccheri semplici) senza far innalzare la glicemia. Inoltre sono ideali anche per chi sta seguendo una dieta dimagrante, visto che 100g di ciliegie denocciolate apportano a malapena 38 kcal, contenendo l’86% di acqua.

Grazie alle antocianine, agli acidi fenolici, alla vitamina C e ai sali minerali contenuti, le ciliegie sono un toccasana per la nostra salute. Alcuni studi hanno dimostrato anche buone capacità antinfiammatorie per sedare gli attacchi di gotta (in quanto fanno calare i valori di acido urico) e di protezione dai danni ossidativi.

Via libera a questo frutto dolce e saporito anche per chi sta a dieta.

Uno spuntino con 20-30 ciliegie aiuta non solo a placare la voglia di dolce per chi magari non può mangiarne (per condizioni fisiologiche particolari o perché si cerca di perder peso), ma anche ad incrementare il senso di sazietà! Infatti le ciliegie sono ricche di fibre solubili che, impregnandosi di acqua, diminuiscono il senso di fame; inoltre la presenza di potassio favorisce la diuresi.

Ovviamente come per tutti gli alimenti non bisogna esagerare perché il sorbitolo contenuto, se in eccesso, può avere effetti lassativi. Per chi soffre di stipsi invece le ciliegie sono un valido aiuto!

Come mangiarle preferibilmente? Certo, un bel dolce con tante ciliegie fa gola a tutti, come una buona confettura di amarene, ma l’ideale è mangiarle fresche. In questo modo non perderemo tutte le sostanze nutritive che vengono distrutte dal calore, come la vitamina C e le altre molecole termolabili. Quindi che sia a fine pasto (o meglio ancora una mezz’ora prima) o come spuntino, non facciamo mancare nella nostra alimentazione questo piccolo frutto che per il nostro organismo è un concentrato di benessere.

Da fine maggio a luglio godiamo dei suoi effetti benefici e non temiamo per la prova costume! Le ciliegie apporteranno solo tanta salute alle nostre cellule! Approfittiamo di questo fantastico frutto!

 

Articoli correlati

 

invecchiamento cellulare dna sono influenzati dal ciboCIBO ED INVECCHIAMENTO CELLULARE:

GLI ALIMENTI POSSONO PARLARE AL NOSTRO DNA?

L’invecchiamento cellulare è influenzato da ciò che mangiamo

 

 

 

Altre news dal blog

 




Nessun commento

Post A Comment