PERCHÉ LE DIETE IPERPROTEICHE POSSONO CAUSARE DANNI AL NOSTRO ORGANISMO? - Sana Cucina Italiana
17899
post-template-default,single,single-post,postid-17899,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
le diete iperproteiche prevedono un eccessivo consumo di pesce, carne, uova, latticini

PERCHÉ LE DIETE IPERPROTEICHE POSSONO CAUSARE DANNI AL NOSTRO ORGANISMO?

Anche il microbioma intestinale viene influenzato negativamente da diete troppo ricche in proteine.

Le diete che eliminano o riducono drasticamente i carboidrati a favore delle proteine (caratteristica delle diete iperproteiche), anche se largamente diffuse, non aiutano di certo il nostro organismo a star bene, né a ritrovare la nostra forma fisica. Oltre a costringere i nostri reni ad un superlavoro e ad incrementare l’acido urico nel sangue, queste diete agiscono in maniera del tutto negativa sui microrganismi che colonizzano il nostro intestino e che ci aiutano in numerose funzioni fisiologiche tra cui la digestione.

Uno studio della Nanjing Agricultural University, Nanjing (Cina) pubblicato sulla rivista Anaerobe, ha studiato e messo a confronto due gruppi di ratti per sei settimane, uno alimentato normalmente ed uno con dieta iperproteica (le proteine rappresentavano il 45% dell’apporto nutritivo giornaliero). Le analisi sono state effettuate sulle feci.

Il risultato finale ha registrato di un incremento notevole di E.coli e soprattutto una diminuzione di microrganismi quali Prevotella, Bifidobacterium, Akkermansia muciniphila, Ruminococcus bromii e Roseburia/Eubacterium rectale (p<0.05). Sono batteri implicati nella via del metabolismo dei carboidrati per la produzioe di acidi grassi a catena corta, in particolare l’acido butirrico, altamente protettivo ed antinfiammatorio per le cellule epiteliali dello stesso intestino.

Inoltre all’incremento dell’ E. Coli è associato un incremento del rischio di insorgenza di patologie pro-infiammatorie a livello intestinale.

La diminuzione del butirrato ha portato anche alla diminuzione di una classe di immunoglobuline (IgG) le quali hanno un ruolo protettivo nel nostro organismo legandosi ad alcuni antigeni presenti su microrganismi patogeni.

La flora batterica del nostro intestino è costantemente influenzata da ciò che mangiamo (basti pensare all’effetto benefico del kefir sul nostro microbioma e sul nostro organismo). Se noi ci alimentiamo in modo giusto, senza eliminare alcun alimento o eccedere in altri, tutto ciò che fa parte del nostro sistema coopererà per la nostra salute ed il nostro benessere. Le cattive abitudini hanno, alla fine, sempre ripercussioni dirette o indirette sulla nostra salute.

Cerchiamo il modello alimentare che più si addice alle nostre esigenze e che migliori la nostra vita e la nostra salute.

Qui li link allo studio originale.

 

Articoli correlati

 

un vasetto di kefirIL KEFIR: PROBIOTICO PER ECCELLENZA

Un’antica bevanda da riscoprire

 

 

 

Altre news dal blog

 




Nessun commento

Post A Comment