ALLA RICERCA DELL'UOVO PERFETTO - Sana Cucina Italiana
17893
post-template-default,single,single-post,postid-17893,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
un uovo verde, uno giallo, blu, rosso

ALLA RICERCA DELL’UOVO PERFETTO

Per valutare la qualità di un uovo basta ricordare un solo numero del suo codice.

Ormai da tempo per essere messo in commercio, l’uovo presentare sul guscio un codice di riconoscimento e di tracciabilità del prodotto, oltre che la data di deposizione e scadenza.

Possiamo trovare comodamente in internet o anche sulle stesse confezioni, uno schema che definisca il significato di ogni singolo numero o gruppo di numeri, come il sottostante.

 

uovo con il codice che descrive la sua provenienza

 

Ma qual è il fattore a cui dobbiamo prestare più attenzione?

Sicuramente il fattore che incide maggiormente sulla qualità delle uova è il tipo di mangime utilizzato ed il tipo di allevamento. Dove possiamo leggere queste informazioni? Semplicemente nel primo numero della serie: 0,1,2,3.

Vediamo assieme cosa significano:

– numero 0: uovo da allevamento biologico. Le galline sono allevate secondo le disposizioni legislative dell’agricoltura ed allevamento biologico, alimentate esclusivamente con mangimi biologici, tenute all’aria aperta per molte ore durante la giornata, depongono le uova a terra o in appositi nidi ed ogni gallina ha in media a disposizione 10 m2 di terreno con vegetazione. La densità di allevamento è limitata a 6 galline/m2 all’interno del capannone e il numero massimo di animali allevabili è 3.000

– numero 1: allevamento all’aperto. Le galline sono allevate in ampi spazi aperti  per alcune ore durante la giornata ed è previsto una gallina per 2.5m2 di terreno con vegetazione.

– numero 2: allevamento a terra. Le galline sono allevate al chiuso con spazi comuni e nidi, in edifici a piano unico o più piani. La densità è di 7 galline per m2 di terreno ricoperto di paglia o sabbia.

– numero3: uovo proveniente da allevamento in gabbia o batteria. 25 galline per m2 in posatoi di 15 cm per gallina. Questo tipo di allevamento causa notevoli problemi fisici e non solo, portando ad una qualità nutrizionale ed organolettica delle uova decisamente bassa.

 

uovo e tipi di allevamento

 

Quale tipo di allevamento preferire? Va da sé che i numeri 2 e 3 siano da escludere in quanto tipologie di allevamento del tutto innaturali che inevitabilmente ve ad incidere sulla qualità del prodotto. Ovviamente il migliore in questo caso risulta il biologico, sia per lo spazio ed il tipo di ambiente a disposizione che per il mangime e soprattutto per le norme sull’uso di antibiotici negli allevamenti biologici, decisamente ristretti e molto più controllati.

Possiamo comprare anche le uova da allevamento all’aperto (quindi con numero 1) ma se abbiamo la possibilità di prendere quelle biologiche, tanto di guadagnato per la nostra salute ed anche per il palato, soprattutto se quell’uovo lo gusteremo a tavola senza aggiunta di troppi ingredienti.

Oggi le uova da allevamento biologico le troviamo in quasi tutti i supermercati a prezzi accessibilissimi.

L’uovo è un alimento completo, ricco di proteine ad alto valore biologico che ben si presta a tantissime preparazioni sia in cucina che in pasticceria. Sfruttiamo i suoi benefici scegliendo sempre la migliore qualità!

 

Articoli correlati:

 

LA CHIMICA DELLE UOVA:

DALLA CUCINA ALLA PASTICCERIA.

Tutti i trucchi per un uso perfetto!

 

 

 

PROTEINE: DA COSA DIPENDE IL LORO

VALORE BIOLOGICO E COME POSSIAMO MIGLIORARLO?

Alto, medio o basso?

 

 

 

Altre news dal blog

 

 



Nessun commento

Post A Comment