I SUPERPOTERI DELLE NOCI: QUANDO, COME, PERCHÉ - Sana Cucina Italiana
17486
post-template-default,single,single-post,postid-17486,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
bambino mascherato a cui piacciono le noci

I SUPERPOTERI DELLE NOCI: QUANDO, COME, PERCHÉ

UNA FORZA DELLA NATURA!

Il consumo anche quotidiano di frutta secca ed in particolare di noci è un toccasana per il nostro organismo. Se consumata correttamente ci aiuta a stare in forma senza aumentare peso nonostante l’ apporto calorico.

Sono numerosissimi gli studi che confermano gli effetti benefici di un consumo costante di noci, vero e proprio integratore naturale. Otto noci apportano 2g di omega-3 coprendo il fabbisogno quotidiano di questo importante acido grasso essenziale. Chi non ama il pesce può quindi sopperire con un consumo regolare di gherigli. Ma il consiglio di consumare anche due-tre noci ogni giorno vale per tutti.

Tanti effetti benefici

Chi consuma noci una volta a settimana ha un rischio di mortalità per cancro, malattie cardiache e respiratorie inferiore dell’11%, chi le mangia ogni giorno del 20%! Chi consuma gherigli tende in genere a condurre un’alimentazione abbastanza equilibrata e ad essere fisicamente più attivo: ciò ovviamente incide in maniera positiva sugli effetti benefici del consumo di noci.

In un imponente studio pubblicato dall’Harvard Medical School di Boston nel 2013 dove sono state analizzate le abitudini alimentari e lo stile di vita di circa 76.000 donne e 42.000 uomini per circa 30 anni, è stato possibile collegare il consumo di noci con l’iperglicemia: con due o più porzioni a settimana l’incidenza del diabete cala del 24%!

Altri importanti effetti delle noci sul nostro organismo sono quelli di abbassare il colesterolo LDL e soprattutto di ridurre il rischio di demenza senile. Grazie agli alti contenuti di omega-3 si vedono ridotti i livelli di proteina beta-amiloide il cui accumulo nel cervello è il più importante marker dell’ Alzheimer, malattia neurodegenerativa.

Con tutti questi e molti altri effetti benefici viene voglia di fare la scorta di questa ottima frutta secca! Ma attenzione: è un alimento molto calorico e ricco di grasso e bisogna introdurlo coscientemente all’interno della nostra dieta. Il consumo anche di due-tre noci almeno tre-quattro volte a settimana può essere già d’aiuto per il nostro organismo. Possiamo anche aumentarne le porzioni settimanali, ma è bene anche variare con altra ottima frutta secca quali mandorle, pistacchi, nocciole, ecc.

Ecco tre semplici consigli per un consumo quotidiano:

  • Spiluccare frutta a guscio a metà mattina o merenda riempie ma non fa prendere chili, quindi spezzare la fame con della frutta secca e magari un frutto è un’ottima soluzione.
  • Arricchire le pietanze o anche le insalate con della frutta secca aiuta ad impreziosire i pasti di benessere e di gusto pur mantenendosi leggeri.
  • Consumare dolci salutari con l’aggiunta di frutta a guscio (per esempio per colazione o come spuntino) è un’altra ottima alternativa che lascia spazio alla fantasia.

Possiamo conservare i gherigli di noci senza guscio?

Certo che si! Chiusi in un barattolo: in un luogo fresco e asciutto durano anche due mesi, in frigo anche sei! Gli acidi grassi mono e polinsaturi di cui le noci sono ricche, se esposti all’aria, alla luce o al calore tendono ad irrancidire facilmente, quindi questo metodo di conservazione risulta essere l’ideale!

Ora che sappiamo quante noci consumare e come possiamo conservarle non resta altro che inserirle all’interno della nostra alimentazione facendo tesoro di questo preziosissimo dono della natura!

 

Altre news dal blog

 




Nessun commento

Post A Comment