TRITORDEUM: UN NUOVO GUSTO DEL BENESSERE. - Sana Cucina Italiana
17661
post-template-default,single,single-post,postid-17661,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
pane e farina di tritordeum

TRITORDEUM: UN NUOVO GUSTO DEL BENESSERE.

NATO DALL’UNIONE DI GRANO ED ORZO, RICCO DI TANTE PROPRIETÀ NUTRIZIONALI DI ALTISSIMO VALORE.

Il Tritordeum è un cereale naturale di origine spagnola nato dall’incrocio tra grano duro (Triticum durum) ed un orzo selvatico (Hordeum chilense). Presenta diverse caratteristiche nutrizionali degne di nota e si coltiva applicando le normali tecniche utilizzate per il frumento possedendo anche una maggiore resistenza alla siccità ed alle avversità di campo.

La farina di questo cereale ben si presta alla preparazione di prodotti a lunga lievitazione ed alta digeribilità, come pizza e pane, ma è ideale anche per la pasticceria e per la produzione di pasta fresca.

Proprieta’ nutrizionali

L’alto contenuto di carotenoidi conferisce ai prodotti contenenti tritordeum una colorazione tendente al giallo-arancio (ricordiamo che i carotenoidi conferiscono proprio questo colore agli alimenti che ne contengono in maggiore quantità – per approfondire ecco un interessante articolo). Tra i vari carotenoidi presenti spicca la luteina, importante molecola protettiva per occhi e pelle.

Un’altra peculiarità del tritordeum è quella di presentare un glutine molto più digeribile di quello del grano o del farro e soprattutto in quantità nettamente inferiori, tanto da poter essere consumato anche dagli intolleranti al glutine (ma non dai celiaci).

Inoltre questo cereale presenta un quantitativo di fibra alimentare superiore rispetto agli altri cereali ed anche minor quantità di amido (quindi di carboidrati assorbibili), aiutando il sistema immunitario, l’intestino ed anche il carico glicemico, promuovendo la prevenzione di sovrappeso, obesità e soprattutto diabete.

Oltre a far bene al nostro organismo ed essere una validissima alternativa al grano ed ai cereali più comuni, il Tritordeum fa bene anche all’ambiente perché, come accennato in precedenza, necessita di poco azoto e resiste bene alla siccità, al gelo e agli attacchi fungini, per cui non sono necessari trattamenti. Infine ha un eccezionale accestimento (sviluppo di nuovi steli alla base della pianta) diminuendo la dose e quindi il costo del seme per ettaro.

In Spagna è molto utilizzato, ma anche in Italia inizia a prender piede! Possiamo trovare sia la farina raffinata che quella integrale. Ha un sapore dolce ed un aroma molto gradevole; inoltre il suo caratteristico colore rende i suoi prodotti irresistibilmente buoni e salutari!

 

Altre news dal blog

 




Nessun commento

Post A Comment