DIGIUNO E VIE GENETICHE DELLA LONGEVITÀ - Sana Cucina Italiana
17507
post-template-default,single,single-post,postid-17507,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-16.6,qode-theme-sanacucinaitaliana,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
alcuni cibi contengono molecole che mimano il digiuno

DIGIUNO E VIE GENETICHE DELLA LONGEVITÀ

ANTITUMORALI IN TAVOLA: MOLECOLE CHE SIMULANO IL DIGIUNO.

Esistono, negli alimenti che la natura ci offre, alcune molecole che, con una serie di processi biochimici, modificano le vie genetiche che presiedono alla durata della vita. In che modo? Mimando il digiuno, ovvero facendo credere all’organismo che in realtà non si sta mangiando granché.

Ad oggi le molecole più importanti sono:

  • La quercitina, presente in asparagi, capperi, cioccolato fondente al 70%, cipolle, lattuga.
  • Il resveratrolo, contenuto nell’uva.
  • La curcumina, contenuta nella curcuma.
  • Le antocianine, presenti nelle arance rosse, cavoli cappuccio rossi, ciliegie, frutti di bosco, melanzane, patate viola, prugne nere, radicchio, uva nera.
  • L’epigallocatechingallato, nel tè verde e tè nero.
  • La fisetina, in cachi, fragole e mele.
  • La capsaicina, contenuta nella paprika piccante e nel peperoncino.

Attivazione dei geni della longevità

Numerosi studi confermano che una dieta povera di calorie (cioè mangiare meno senza arrivare alla malnutrizione) attiva i geni della longevità ed inibisce quelli dell’invecchiamento. Inoltre con la restrizione calorica non solo aumenta la durata della vita, ma diminuiscono anche le malattie legate all’ avanzare dell’età come cancro, patologie cardiovascolari, patologie neurodegenerative.

Le molecole antitumorali elencate funzionano un pò come se si stesse digiunando, solo che al posto di digiunare si mangia! Attenzione però, non agiscono facendo assorbire meno calorie ma attivano le stesse vie metaboliche messe in moto dalla carenza di cibo.

Inoltre, questi cibi che contengono le molecole “mima digiuno” contribuiscono anche a mantenere la linea perché “imbrogliano” i geni che intervengono nelle vie metaboliche dell’accumulo di grasso. Inoltre hanno un buon potere saziante e oltretutto invogliano ad un’alimentazione sana.

Quindi iniziamo da subito ad inserire nei nostri menù queste molecole attraverso gli alimenti preparandoli in maniera idonea per assorbire la maggior parte dei loro sani micronutrienti ed utilizziamo i metodi di cottura più appropriati.

Per essere magri, più sani e più longevi non funziona la bacchetta magica: bisogna rimodellare la propria alimentazione adattandola ai propri ritmi ed alle proprie esigenze. Ma non è difficile, basta mettere a punto un buon piano con solide basi scientifiche!

Teniamo a mente questo comodo schema per i nostri pasti:

  • Metà pasto composto da verdura e frutta.
  • Un quarto da cereali, meglio se integrali.
  • Un quarto da proteine.
  • Grassi buoni per condire.
  • Poco sale, tante erbe aromatiche e spezie.

Iniziamo da questi pochi punti ed il cambiamento avverrà in maniera molto semplice e spontanea!

 

Articoli correlati

 

invecchiamento cellulare dna sono influenzati dal ciboCIBO ED INVECCHIAMENTO CELLULARE:

GLI ALIMENTI POSSONO PARLARE AL NOSTRO DNA?

L’invecchiamento cellulare è influenzato da ciò che mangiamo

 

carote e broccoli se cotti prensetano maggiore biodisponibilità dei propri nutrientiBIODISPONIBILITÀ DELLE SOSTANZE NUTRITIVE

Perché una carota saltata in padella è più salutare di una carota cruda?

 

 

La bollitura non è uno dei migliori metodi di cottura degli alimentiCULINARY NUTRITION: I TRE MIGLIORI METODI DI COTTURA PER NON PERDERE MICRONUTRIENTI ESSENZIALI

Tante valide (e migliori) alternative alla solita bollitura

 

 

 

Altre news dal blog

 




Nessun commento

Post A Comment